Viale Monte Grappa n. 94 - Castel Goffredo (MN) • Tel. 0376 770 217
Email: mnic80300b@istruzione.it • PEC: mnic80300b@pec.istruzione.it
CF: 90011480200 • CM: mnic80300b
CORONAVIRUS

CONTATTI SEGRETERIA

 

 

 

 

 

 

Lucia Azzolina Ministro dell'Istruzione 

Il mio messaggio per voi studentesse  e studenti: #LaScuolaNonSiFerma!

 

Intervento del filosofo UMberto Galimberti

 10 comportamenti da seguire

Il lavaggio corretto delle mani

 MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE

 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE

REGIONE LOMBARDIA

CHE COS'E' IL CORONAVIRUS

 QUALI SONO I SINTOMI?

 COLPISCE SOLO LE PERSONE ANZIANE?

 COSA POSSO FARE?

 

Buongiorno cari docenti, oggi è un giorno molto triste per la nostra scuola, ieri purtroppo è venuto a mancare il papà di una nostra carissima alunna. È un momento in cui tutta la nostra comunità di Castel Goffredo è messa a dura prova, i nostri ragazzi sono colpiti dal dolore della perdita di persone di riferimento della propria vita, come lo sono i nonni e come ancora di più un padre può esserlo. Invito tutti a essere molto delicati in questi giorni con i nostri studenti, a prenderci cura di ognuno di loro, ad abbracciarli anche se a distanza. In questo momento la finalità prioritaria del nostro lavoro è esserci, è sostenere, incoraggiare, stendere la mano per aiutare le famiglie e i nostri alunni a non cedere allo sconforto e alla perdita della speranza. Rimaniamo uniti anche se distanti, siamo scuola delle relazioni che educa gli uni a prendersi cura degli altri.

Grazie per la vostra preziosa collaborazione.

CORONAVIRUS, informazioni utili:

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 10 aprile 2020

Sintesi dei contenuti dell'ultimo DPCM 10 aprile 2020

Il provvedimento proroga le attuali misure di contenimento al 3 maggio 2020 con alcune novità, tra cui l’apertura di librerie e cartolerie.

Tuttavia, in base all'Ordinanza regionale n.528 dell'11 aprile 2020, libri, articoli di carta, cartone, articoli di cartoleria e forniture per ufficio possono essere venduti esclusivamente negli ipermercati e nei supermercati oppure tramite la vendita via internet, corrispondenza, telefono, televisione e radio.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 1 aprile 2020

Comune di Castel Goffredo, servizi per persone sole.

Lettera aperta della Ministra Azzolina alla comunità scolastica

Decreto legge 25 marzo 2020 n.19

Domande e risposte sulle limitazioni imposte dai decreti

Ordinanza Regione Lombardia 23 marzo.

Aggiornamento del 23 marzo.

Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha disposto con Ordinanza regionale del 21 marzo, successivamente integrata dalle Ordinanze del 22 e 23 marzo, alcune ulteriori limitazioni ancora più stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus.

Le disposizioni previste sono in vigore dal 22 marzo fino al 15 aprile, salvo variazioni dovute all'evoluzione dell’emergenza sanitaria, e sono state condivise con i sindaci dei capoluoghi della Lombardia, ANCI Lombardia, UPL e con il Tavolo del Patto per lo Sviluppo.

Di seguito le principali misure previste, integrate con le disposizioni nazionali in vigore:

  • il divieto di assembramenti di più di 2 persone nei luoghi pubblici. Deve comunque essere garantita la distanza di almeno un metro. In caso di violazione è prevista una sanzione amministrativa di euro 5.000,00;
  • sono sospese le attività commerciali al dettaglio, tranne le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità  sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media o grande distribuzione e nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole attività di prima necessità; In ogni caso deve essere garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
  • la sospensione di tutti i mercati settimanali scoperti, per tutti i prodotti (alimentari e non);
  • la sospensione delle attività dei servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) non elencate all'allegato 2 dell'ordinanza del 21 marzo;
  • la sospensione delle attività artigianali non legate alle emergenze o alle filiere di prodotti o servizi essenziali;
  • la chiusura delle attività degli studi professionali, salvo quelle relative ai servizi indifferibili e urgenti o sottoposti a termini di scadenza;
  • la chiusura di tutte le strutture ricettive (Hotel, alberghi, b&b, etc.):gli ospiti già presenti nella struttura dovranno lasciarla entro le 72 ore successive all’entrata in vigore dell’ordinanza del 22 marzo. La chiusura si applica anche ai residence, agli alloggi agrituristici e alle locazioni brevi per finalità turistiche. Le strutture possono restare aperte per esigenze collegate alla gestione dell’emergenza (pernottamento di medici, isolamento di pazienti, ecc.), compreso il regolare esercizio dei servizi essenziali. È consentito nelle strutture ricettive il soggiorno delle seguenti categorie:
  • personale in servizio presso le stesse strutture;
  • ospiti che vi soggiornano per motivi di lavoro in uno dei servizi per cui non è disposta la chiusura o la sospensione dell’attività;
  • personale viaggiante di mezzi di trasporto;
  • ospiti costretti a prolungare il soggiorno per cause di forza maggiore che non consentano il trasferimento nei termini suindicati;
  • soggetti aventi residenza anagrafica nelle stesse strutture;
  • soggetti che assistono persone malate o ricoverate in strutture sanitarie;
  • soggetti che hanno stipulato, antecedentemente al 22/3/2020, un contratto con la struttura ricettiva per il soggiorno nella struttura stessa.

Possono restare aperte anche le strutture e gli alloggi per studenti universitari e le strutture per il soggiorno a fini assistenziali e solidaristici.

  • il fermo delle attività nei cantieri edili. Possono continuare i lavori: i cantieri legati alle attività di ristrutturazione sanitarie e ospedaliere ed emergenziali, oltre a quelli stradali, autostradali e ferroviari;
  • la chiusura dei distributori automatici «h24» che distribuiscono bevande e alimenti confezionati;
  • il divieto di praticare sport e attività motorie svolte all’aperto, anche singolarmente, se non nei pressi delle proprie abitazioni;
  • l’obbligo - se si esce con il cane - di rimanere entro i 200 metri da casa;
  • la chiusura di parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici.

Ai supermercati, alle farmacie, nei luoghi di lavoro, a partire dalle strutture sanitarie e ospedaliere nonché agli Enti e Amministrazioni pubbliche, si raccomanda a cura del gestore/titolare di provvedere alla rilevazione della temperatura corporea.

Il Decreto del Consiglio dei Ministri del 22 marzo prevede, inoltre, il divieto di trasferimento o spostamento ad altro Comune, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. Rimane consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Divieto valido fino al 3 aprile.

Si ricorda che è possibile contattare il numero 1500 per richieste di informazioni e il numero verde 800 894 545 solo se si ritiene di avere dei sintomi della malattia.

Ordinanza Regione Lombardia 22 marzo.

Ordinanza Regione Lombardia 21 marzo.

 

Didattica digitale: il problema non è la parola "distanza"

Decreto del Presidentedel Consiglio dei Ministri 11/03/2020

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 08/03/2020

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 04/03/2020

Emergenza coronavirus settimana dal 2 all'8 marzo

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 01/03/2020

"Si allega il Decreto della Presidenza del Consiglio emanato in data odierna in virtù del quale le attività didattiche in presenza sono sospese sino al giorno 8 marzo, mentre per il personale delle scuole da domani 2 marzo vigono le consuete disposizioni contrattuali in caso di sospensione delle lezioni". Il Dirigente Provinciale G. Bonelli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25/02/2020

Breve sintesi:

sospesi eventi sportivi in luoghi pubblici e privati (consentiti allenamenti "a porte chiuse");

sospensione gite scolastiche sino al 15 marzo;

riammissione a scuola CON CERTIFICATO MEDICO sino al 15 marzo;

attivazione di iniziative di recupero/riallineamento in modalità didattica "a distanza", avvalendosi delle risorse digitali;

domenica 1° marzo chiusura luoghi della cultura (biblioteche, musei, ...).

I consigli del dott. Simone Riccò psicologo per l'Infanzia

COMUNICAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

ORDINANZA di REGIONE LOMBARDIA: CHIUSURA SCUOLE fino a domenica 1 marzo 2020 compreso, fatte salve eventuali e ulteriori successive disposizioni

 AVVISO DEL DIRIGENTE PROVINCIALE:

"Con riferimento all’ordinanza di Regione Lombardia, in attesa delle ulteriori disposizioni, si dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, anche con riferimento al servizio del Personale ATA, l’Ufficio Scolastico Provinciale rimarrà aperto unicamente per garantire il coordinamento delle operazioni, ma senza ricevimento del pubblico".

Il Dirigente G. Bonelli

Orinanza del Sindaco del 24/02/2020

Ordinanza del Sindaco del 23/02/2020

Comunicazione MIUR sui viaggi di istruzione 23/02/2020

Comunicazione Prefettura di Mantova 22/02/2020

Comunicato ATS 21/02/2020

Avviso Miur per aggiornamenti 21/02/2020

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.