Progettazione educativo-didattica. Idea di Bambino, Educazione, Scuola Primaria


 

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

a.s. 2019 - 2020

Classi prime

Classi seconde

Classi terze

Classi quarte

Classi quinte

 

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

a.s. 2018 - 2019

Classi prime

Classi seconde

Classi terze

Classi quarte

Classi quinte

----------

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

a.s. 2017 - 2018

Classi seconde

Classi terze

Classi quarte

Classi quinte

 ---------

PROGETTO D’ISTITUTO

a.s. 2016 - 2017

"FeliceMente. nei percorsi dell'apprendere star bene

con se stessi e con gli altri.

Come? Perchè?

 

IDEA DI…

AZIONI

BAMBINO come

1.Costruire stili di ASCOLTO attraverso

1.Persona unica e irripetibile;

2.Soggetto in crescita psicofisica, motivato ad apprendere  

attraverso la curiosità e la riflessione;

3.Cittadino sempre più attivo e consapevole.

·Buone pratiche di attenzione all’altro e di gestione dei conflitti;

·Tempi, spazi e modalità attive per diventare accoglienti e

 responsabili.

 

 

2.Promuovere BENESSERE attraverso

·Il rispetto dei tempi dei bambini alternando le attività di studio, gioco, movimento, relax;

·La proposta di un apprendimento significativo che porti a competenze utili per la vita;

·La condivisione di regole costruite con rinforzi positivi e azioni riparative.

 

3.Utilizzare L’OSSERVAZIONE per

·Cogliere le emozioni attraverso la fisicità (sguardo, postura, prossemica, voce)

·Analizzare le dinamiche del gruppo-classe, del piccolo gruppo in momenti strutturati e non.

·Confrontarsi tra colleghi e altri adulti.

IDEA DI…

AZIONI

EDUCAZIONE come

1.Promuovere la CRESCITA attraverso

1.  Punto di partenza che implica fiducia, scambio, confronto, strategie, regole condivise;

2.  Relazione che chiede accompagnamento, esempio e coerenza;

3.  Progetto che genera responsabilità e consapevolezza;

Inno alla speranza che cerca risposte autentiche alle domande di senso

·Il rispetto degli impegni, l’autonomia personale, la capacità di lavorare in gruppo;

·I contenuti disciplinari utilizzati per interpretare i vissuti personali e arricchire la comprensione del mondo;

·La proposta di “compiti di realtà” in modo che la scuola diventi palestra di vita.

 

2.Maturare la RESPONSABILITA’ attraverso

 

·La cura delle cose personali e altrui, degli spazi e delle attrezzature comuni;

·L’attenzione agli altri, sia coetanei che adulti;

·L’assunzione di compiti da portare a termine con impegno;

La riflessione sulle azioni compiute a livello personale e nel gruppo.

3.Ricercare la COERENZA attraverso

·La fedeltà alla parola data;

·L’autorevolezza costruita nel rispetto dei diversi ruoli e delle diverse funzioni;

·La credibilità basata sull’esempio e lo stretto legame tra dichiarato e agito;

·La comprensione delle sfide educative con particolare attenzione alla gestione dei “social”.

IDEA DI…

AZIONI

SCUOLA come

1.Costruire PROGETTUALITA’ attraverso

1.     Luogo accogliente, inclusivo, stimolante, creativo;

2.     Laboratorio per imparare ad imparare;

3.     Cammino di ricerca per prendersi cura degli altri e del mondo

4.     Palestra di vita che aiuti alla resilienza;

5.     Alleanza educativo con le famiglie e il territorio.

·La condivisione dei percorsi educativi a vari livelli (Istituto, 

Collegio di settore, classi parallele);

· La condivisone delle famiglie del progetto di vita dei bambini;

·La valorizzazione delle risorse umane della scuola e del territorio;

·La coerenza delle proposte educativo- didattiche in linea con quanto dichiarato dal PTOF.

2.Promuovere L’INCLUSIONE attraverso

·La conoscenza e il rispetto delle individualità;

·La conoscenza delle varie disabilità per dare risposte adeguate sia a livello personale che all’interno della classe;

·Una stretta collaborazione tra le famiglie e insegnanti di classi, di sostegno ed educatori;

·Un’alfabetizzazione funzionale alla comunicazione, alla socializzazione e ai percorsi di apprendimento.

3.Favorire le scuole IN RETE attraverso

·Un uso corretto e consapevole delle tecnologie anche attraverso l’attivazione di percorsi di formazione;

·L’utilizzo della rete fra scuola per la realizzazione di progetti;

·I rapporti con il territorio in un’ottica di cittadinanza.